MARLENE KUNTZ LIVE ALL’ORION DI ROMA, IL 12 MAGGIO

Orion Live di Roma presenta MARLENE KUNZ in concerto il 12 maggio 2012.

I Marlene Kuntz, cult band della scena musicale underground italiana, saranno in concerto all’Orion di Roma il 12 maggio 2012. Le prevendite al via oggi pomeriggio, 21 febbraio, sui circuiti TicketOne e Greeticket.

Reduci da un Sanremo che quest’anno si è ‘rinnovato’ grazie al loro rock alternativo e, in particolare, dalla serata-tributo “Viva l’Italia” che li ha visti vincitori del Premio Sala Stampa grazie all’interpretazione di “Impressioni di settembre” dei Pfm, in duetto con Patty Smith, i Marlene Kuntz di Cristiano Godano, Luca Bergia e Riccardo Tesio sono pronti a calcare i palchi d’Italia per il tour che tutti aspettavano.

La band sarà all’Orion di Roma il 12 maggio per presentare il nuovo disco “Canzoni per un figlio”, che presenta due pezzi nuovi e un po’ di canzoni del repertorio dei Marlene, risuonate per l’occasione senza troppa deferenza nei riguardi della versione originale.

“Quando il pezzo per Sanremo (“Canzone per un figlio”) ha preso forma, abbiamo avuto quasi istantaneamente l’idea di un concept a essa legato – hanno affermato i Marlene Kuntz – Posto che avevamo deciso di non fare inutili corse per un disco di nuovi brani, il guizzo del concept ci ha immediatamente convinto che era la cosa giusta da fare. Ciascuna canzone, dunque, contiene, a nostro sentire, valori o immagini trasmissibili a un figlio, immaginato intorno alla sua fase di ingresso nell’adolescenza o poco dopo. E’ stato davvero interessante e stimolante rendersi conto che molte nostre canzoni del lontano passato “marlenico”, quelle che per i non addentro a certe sonorità erano percepite come “temibili”… “ostiche”… “ostili”…, erano in realtà canzoni dense di contenuto tutt’altro che trasgressivo o incendiario. Il libretto del cd espone, di conseguenza, un approccio conforme: un ipotetico padre introduce al proprio figlio, con uno scritto di suo pugno, ciò che si andrà a leggere e ascoltare. E ogni canzone viene illustrata da una breve serie di affermazioni a mo’ di suggestione-spiegazione, di modo che il figlio possa subliminalmente intuire un fascino da lasciarsi maturare dentro per la sua crescita. Non ci dispiace immaginare che tale relazione padre-figlio abbia parziale valenza metaforica nei riguardi di molti che potranno avere per le mani tali libretto”.

Al nuovo lavoro dei Marlene Kuntz, “Canzoni per un figlio”, hanno lavorato anche quattro musicisti “che hanno donato un po’ della loro splendida creatività, aggiungendo sapori nuovi alle nostre atmosfere”: la pianista Alessandra Celletti, l’amico Gianni Maroccolo, il trombettista Roy Paci, il violinista Davide Rossi.