TORTE E DECORAZIONI DI ZUCCHERO… CHE FANNO BENE AI BAMBINI

Anche decorando una torta si può compiere un gesto di solidarietà con il corso di Cake design di Aidworld: una giornata intera per acquisire i trucchi che consentiranno ad ogni partecipante di fare di ogni torta una creazione colorata e fantasiosa.
La tendenza del momento diventa così un nuovo strumento per fare beneficenza, perché la metà delle quote di partecipazione andrà a sostegno dei nostri programmi per l’infanzia in Ghana.
Il corso è destinato a chi vuole apprendere idee semplici e deliziose per creare torte davvero uniche. Le decorazioni in pasta di zucchero, fatte con passione e creatività, permetteranno di stupire amici e parenti con dolci spettacolari.
Durante la giornata di formazione i partecipanti impareranno a realizzare una “zuccherosissima” torta che potranno riportare a casa come prova e testimonianza dell’abilità acquisita.
Il corso è per un massimo di 8 iscritti. Si svolgerà in una unica giornata, giorno 14 aprile, dalle 09.00 alle 18.00 presso la sede dell’associazione in via Giuseppe Chiovenda, 57.
Per partecipare basta compilare la scheda di iscrizione presente sul sito nella sezione corsi.
Un’occasione imperdibile per tutti coloro che vogliano imparare i segreti della decorazione delle torte sostenendo contemporaneamente le attività per i bambini del Ghana.

ROMA, OLTRE 40 CHEF PER LA VII EDIZIONE DI CULINARIA-IL GUSTO DELL’IDENTITA

Aprira’ i suoi battenti sabato 10 marzo la settima edizione di “Culinaria-Il Gusto dell’Identita’”, convegno incentrato sulla qualita’ dei prodotti e della ristorazione. L’appuntamento, molto atteso dai foodlover non solo romani, avra’ come teatro gli spazi abitualmente occupati da Campagna Amica (via San Teodoro, 74) che per l’occasione si spostera’ nell’antistante piazza di Sant’Anastasia. Saranno tre giornate imperdibili, con un’alternanza mai vista nella Capitale di veri e propri artisti dell’alta ristorazione, ognuno accompagnato da un produttore di eccellenze del ricco paniere agroalimentare italiano. “L’idea – spiegano Fabrizio Darini, Francesco Pesce e Gabriele Terralavoro, organizzatori della manifestazione – e’ quella di presentare al pubblico il connubio chef-produttore che, nella filosofia di “Culinaria”, e’ il principio cardine intorno al quale gira il concetto stesso di cucina di qualita’”. Gli spazi dell’iniziativa diventeranno quindi una sorta di teatro ideale dove gli appassionati potranno non solo vedere all’opera i loro beniamini ma ascoltare la loro filosofia, apprendere i loro segreti, percorrere con loro i sentieri della ricerca che porta alla qualita’ assoluta. Un ruolo determinante sara’ quello giocato dai prodotti naturali, biologici e biodinamici. “Non certo per seguire la moda del momento – specificano gli organizzatori – quanto piuttosto perche’ da sempre siamo convinti assertori della fondamentale importanza della naturalezza del prodotto e in questo il mondo bio offre delle garanzie di assoluto rilievo. Senza dimenticare che molti degli chef ospiti della manifestazione sono decisamente orientati sull’utilizzo di prodotti bio”. Due le postazioni fisse, alle quali aggiungere un teatro centrale, dove si esibiranno alcuni dei nomi piu’ importanti della ristorazione italiana. Ma grande spazio sara’ offerto anche ai produttori, protagonisti di un evento dedicato alla ricerca della qualita’. I visitatori potranno intrattenersi nei vari spazi che Culinaria mette a disposizione: dalla zona bar al booking store, dalle scuole di cucina all’area shopping dove sara’ possibile acquistare, a prezzi speciali, i prodotti presenti alla manifestazione. Senza dimenticare la possibilita’, in determinati orari e per un numero ristretto di presenti, di degustare le proposte gastronomiche delle osterie ospiti dell’evento. “Quella che prendera’ il via sabato 10 – concludono gli organizzatori – e’ un’edizione speciale, studiata proprio per offrire agli appassionati dell’alta ristorazione la possibilita’ di vivere live un’esperienza indimenticabile, tra momenti didattici e cooking, incontri con i produttori e degustazioni veramente speciali”. Orari:Sabato 10 Marzo 11,00 – 20,30,Domenica 11 Marzo 11,00 – 20,30,Lunedi’ 12 Marzo 11,30 – 19,00.

BAMBINI, IL SENZA GLUTINE È SERVITO!

Domenica 25 marzo 2012, presso l’Hotel Radisson Blu di Roma (via F. Turati 171), a partire dalle ore 18.00 si sfidano piatti, odori, sapori, colori. Si sfida tutto quel che c’è in una cucina saporita e di alto livello. Un solo grande assente: il glutine. E quest’anno – grande novità – il trofeo di cucina glutenfree… si scopre bambino, pur essendo già “anziano” di diverse edizioni.
La novità, infatti, è che durante l’annuale gara di cucina, aperta a cuochi professionisti e non, le ricette presentate dovranno essere tutte rivolte ai palati dei più piccoli. Una bella sfida, allettante per i partecipanti oltre che per i piccoli destinatari. Chi infatti ha figli celiaci sa bene quanto sia difficile per un bimbo dire no alle merendine che gli altri bambini mangiano, o non assaggiare una pizza perché non è la pizza senza glutine – che per fortuna comunque ora si trova in molti locali ed è ottima. L’evoluzione del cibo per bambini celiaci deve però arrivare anche all’alta cucina, ed ecco che AIC Lazio (www.aiclazio.it, Associazione Italiana Celiachia del Lazio), ideatore e organizzatore della manifestazione assieme alla FIC Lazio (www.fic.it, Federazione Italiana Cuochi Regione Lazio) propone questa variante per il 2012.
A capitanare la giuria della gara, un cuoco di grande esperienza: Alessandro Circiello, presidente della Federazione Italiana Cuochi Regione Lazio e noto chef televisivo. Come sempre la gara – che termina con assaggio dei piatti da parte della giuria dei cuochi, della quale quest’anno farà parte anche un gruppo di 5 bambini – lascia il posto in serata alla cena. La cena in tavola, a differenza dei piatti in gara, sarà “studiata” anche per i palati adulti.
Dichiara Paola Fagioli, presidente AIC Lazio: “Manifestazioni simili servono a far capire a tutti, celiaci e non, che la cucina senza glutine non è né impossibile né particolarmente complessa. Basta conoscerne i principi e i celiaci possono mangiare anche meglio di chi celiaco non è”.
La partecipazione al trofeo in qualità di pubblico è libera e gratuita. Segue cena su prenotazione al costo di 30 Euro.
Per iscriversi alla gara i cuochi, professionisti e non, devono scrivere entro il 5 marzo a: sabrinapulcini@libero.it. Per partecipare in qualità di spettatori e per la cena è obbligatoria la prenotazione.

APPRODA NELLA CAPITALE SIMONA COLONNA. QUESTA SERA AL SALOTTO 42

E’ approdata nella Capitale Simona Colonna per due serate fra musica e degustazione dal titolo Dieci in cantina: un excursus tra le tradizioni di Langa Piemontese, note di vino e calici di musica. Ieri, 9 gennaio, è stata al Ketum Bar di via Galvani mentre, questa sera, alle 19, sarà al Salotto 42 di Piazza di Pietra 42.
La serata, promossa dalla Cascina Baricchi con i suoi vini delle Langhe, vede protagonista Simona Colonna, già vincitrice del Biella Festival 2011, con il suo particolarissimo progetto per voce e violoncello che, partendo da innegabili radici classiche, transita con energia e originalità fra canzone d’autore, folk, pop e jazz.
Originalissima musicista e cantautrice Simona Colonna è un’artista poliedrica dai colori teatrali e spiritosi, intensi e ricchi di sfumature.
Nata come musicista classica, la sua formazione parte dal flauto e approda al violoncello e proprio attorno alla propria voce e alla singolare formazione di voce e violoncello solo ha costruito un progetto di musica d’autore dai colori jazz. Quello di Simona Colonna è un mondo affascinante carico di leggende, di segreti, di grandi verità popolari. Ma anche della grande canzone d’autore rivista, riletta, ripensata. Particolarissimi i brani da Masca vola via, il suo progetto in dialetto piemontese, che respirano della musicalità di un dialetto che comunica alle emozioni prima che alle orecchie e al cervello: un nuovo esperanto dell’anima oltre i confini regionali e, perché no, anche nazionali.
Nel 2011 si è aggiudicata il primo premio alla Tredicesima edizione del Biella Festival con Masca vola via, un brano musicalmente molto originale per voce e violoncello scritto in dialetto piemontese che, fra fiaba e memorie infantili affronta i temi dell’emarginazione sociale e delle streghe.

SIMONA COLONNA

La sua formazione parte dal flauto e approda al violoncello, un percorso che da subito traccia il profilo di quest’artista poliedrica dai colori teatrali e spiritosi, intensi e ricchi di sfumature.
Musicista prima classica, poi jazz. Ma anche cantautrice e poeta, attrice ed autrice. Che dopo anni spesi come interprete fra piccoli e più grandi ensemble, ha costruito attorno alla propria voce e alla singolare formazione di voce e violoncello solo ha costruito un progetto di musica d’autore dai colori jazz.
Ha studiato Flauto Traverso presso l’Istituto L. Rocca di Alba sotto la guida della Prof.ssa Laura Mosca, diplomandosi nel 1993, presso il Conservatorio Giuseppe Verdi di Torino, sezione staccata di Cuneo. Giovanissima vince in duo con il pianoforte il concorso “CITTA’ DI GENOVA”. Dopo il diploma si specializza in vari corsi di perfezionamento con gli insegnanti Luisa Sello, Mario Ancillotti, Ubaldo Rosso, Giuseppe Nova.
Nel 1986, contemporaneamente allo studio del Flauto Traverso, inizia anche lo studio del Violoncello presso l’Istituto musicale L. Rocca di Alba, con il Prof. Alberto Fabi, diplomandosi nel 1996 presso il Conservatorio di Cuneo.
E’ stata docente dal 1996 al 2011 di Flauto Traverso presso lo stesso Istituto musicale L. Rocca di Alba. Affianca al lavoro di docenza anche un’intensa carriera artistica.
Oltre alle diverse formazioni di musica da camera, duo con pianoforte, in trio con la chitarra e il clarinetto e in quartetto con gli archi collabora sia con il flauto che con il violoncello, con le orchestre “Modigliani di Livorno, Città Lirica di Livorno, Ensemble orchestrale delle Alpi e del Mare, Jeune Ensamble Baroque de Provence di Nizza, Orchestra femminile Italiana, Orchestra Filarmonica del Teatro di S. Filippo di Torino, Orchestra Risonanza di Montespertoli di Firenze, Orchestra dell¹Istituto Mascagni di Livorno, Orchestra del Teatro Regio di Torino, Orchestra Stefano Tempia di Torino, Orchestra
Bartolomeo Bruni di Cuneo, Orchestra Pressenda di Alba.
Nell’estate 2005 partecipa come violoncellista con l¹Alba/Usa Music Festival ad una importante tournee in Cina toccando le città di Pechino, Shanghai, e Dalian. Nel 2006 partecipa al progetto del libro “IL PESO DELLE PAROLE” di Marco Brovia ed Enzo Massa. Cura insieme a Mauro Fede l’aspetto musicale del lavoro. Dove interpreta cantando alcune poesie rese appunto canzoni.
Ha inoltre frequentato 3 corsi organizzati dal Centro Goitre di Torino dal titolo “La musica in classe” La musica in mente”. Quindi di essere specializzata nei laboratori musicale per le scuole elementari e materne.
Ha al suo attivo 20 anni di esperienza di alfabetizzazione musicale presso asilo nido, scuole materne ed elementari italiane, nonché la realizzazione di spettacoli teatral-musicali con musiche originali.
Ideatrice unica di un progetto speciale per i bambini, dal titolo LE STORIE RACCŠCANTATE con composizioni di testi e di musiche originali.
Nella primavera 2009 le viene pubblicato il primo libro LE STORIE RACCŠCANATE² dalla casa editrice ANTARES.
Nel campo della musica leggera, come cantante lavora con Cristiano Allasia e ha collaborato con il cantautore toscano Nicola Costanti.
Ha al suo attivo concerti jazz con Enrico Rava, Stefano Bollani, Roberto Gatto, Marco Brioschi, Mauro Negri e Barbara Casini, Franco Fabbrini, Salvatore Maltana, Enzo Favata, Daniele Di Bonaventura, Javier Girotto, Maurizio Gianmarco, Mauro Grossi, gli Aires Tango, Danilo Rea, Stefano Cantini, Riccardo Fioravanti, Alberto Mandarini.
In Canada ha collaborato con : Miles Foxx Hill, Miles Blak, Bob Murphy, Buff Allan, Ian Putz.
Nel mese di agosto 2006 è chiamata a peresenziare al Festival Internazionale di Musica di Vancouver in Canada come unica ospite italiana nel campo della musica leggera. In seguito intraprenderà una lunga tournee in British Columbia.
Nella stessa estate realizza il suo primo cd dal titolo “VAGGIARE PIANO” presso lo studio “Frequency Studio” di Miles Foxx Hill in North Vancouver.
Il lavoro è prodotto da George Laverock.
Ideatrice di un progetto speciale “UNA MUSICA PER TE” Simona inizia una serie di produzioni concertistiche, il quale ricavato è devoluto interamente a scopo benefico, a sostegno della ricerca scientifica sulle diverse malattie nel mondo.
Vincitrice del PREMIO S.I.A.E come migliore autore al concorso ŒSENZAETICHETTA 2011 di Cirie con il brano “Dove sei amico” scrotto in collaborazione con Maco Brovia e Cristiano Alasia.
Prima classificata al concorso BIELLA FESTIVAL 2011 con MASCA VOLA VIA
scritto in collaborazione con Bruno Penna.

SALA UMBERTO: “L’ARTE DELL’INCONTRO”. SPETTACOLO DI TEATRO CANZONE

Dal prossimo 14 Gennaio e fino al 25 Febbraio 2013, per 4 lunedì, andrà in scena al Teatro Sala Umberto lo spettacolo di teatro-canzone “L’ARTE DELL’INCONTRO” con protagonista Maurizio Fabrizio, accompagnato da Katia Astarita con cui ha inciso di recente l’album “Bella la Vita”, e i seguenti ospiti musicali:

14 GENNAIO: ospiti AL BANO + ROBY FACCHINETTI

28 GENNAIO: ospite FABIO CONCATO

4 FEBBRAIO: ospite MANGO

25 FEBBRAIO: ospite ANGELO BRANDUARDI

Maurizio Fabrizio è indubbiamente uno dei musicisti e compositori più importanti della scena musicale italiana. Ha scritto per artisti importanti quali Mia Martini, Eros Ramazzotti, Mina, Antonello Venditti, Renato Zero, Toquino tra i tanti e il suo nome è legato a canzoni di grande successo, destinate a rimanere nel tempo.
Oggi Maurizio Fabrizio decide di ripercorrere la sua straordinaria carriera e lo fa dal vivo regalando al pubblico momenti di intensa emozione: un recital musicale che nasce dalla volontà di condividere con amici e colleghi il suo percorso artistico così unico.

LA VITA, AMICO, E’ L’ARTE DELL’INCONTRO è un album di Vinicius de Moraes pubblicato nel 1969 con la collaborazione di Giuseppe Ungaretti e Sergio Endrigo.

L’arte dell’incontro è un’espressione presa in prestito e che meglio di ogni altra sintetizza il senso della mia musica, frutto sempre di importanti collaborazioni. La voglia di comunicare le ragioni profonde della mia musica, di raccontare ciò che la ispira, ripercorrendo le tappe più significative del mio percorso musicale e di vita , caratterizzano questo spettacolo (Maurizio Fabrizio).

ORARI BOTTEGHINO
Lunedi-Sabato: h. 10,00 / 19,00
Domenica: h. 10,00 / 18,00

SCADONO DOMANI LE ISCRIZIONI PER LO YO! URBAN DANCE FEST

IN GARA I MIGLIORI STREET DANCER FREESTYLE

Scadono domani 2 marzo i termini di iscrizione alle competizioni dello Yo! Urban Dance Fest, il più grande festival internazionale dedicato al mondo dell’hip hop.
Il crew contest, organizzato dall’Associazione New Lucky Dance e in programma a marzo nella Capitale, è aperto a tutti gli stili e prevede la partecipazione di gruppi (minimo 3 componenti) e solisti (freestyle hip hop under e over 14) che si contenderanno un montepremi finale di 10mila euro.

Tre sono le specialità nelle quali gli street dancer sono chiamati a misurarsi: HIP HOP, VIDEODANCE e BREAKDANCE (Hip Hop Connection: Arena | 2vs2 Qualifier) che a loro volta comprendono diverse discipline come il Popping e il Locking.

Nato e cresciuto sui marciapiedi dei vicoli americani fino ad approdare a colpi di freestyle sui palcoscenici di tutto il mondo, l’hip hop è molto più di un ballo o di una semplice coreografia, è piuttosto la danza di strada che ogni anno riunisce milioni di appassionati del genere.
Dopo il successo delle prime edizioni si rinnova dunque, anche quest’anno, l’appuntamento con competizioni, workshop ed eventi per gli amanti della urban dance.

MARLENE KUNTZ LIVE ALL’ORION DI ROMA, IL 12 MAGGIO

Orion Live di Roma presenta MARLENE KUNZ in concerto il 12 maggio 2012.

I Marlene Kuntz, cult band della scena musicale underground italiana, saranno in concerto all’Orion di Roma il 12 maggio 2012. Le prevendite al via oggi pomeriggio, 21 febbraio, sui circuiti TicketOne e Greeticket.

Reduci da un Sanremo che quest’anno si è ‘rinnovato’ grazie al loro rock alternativo e, in particolare, dalla serata-tributo “Viva l’Italia” che li ha visti vincitori del Premio Sala Stampa grazie all’interpretazione di “Impressioni di settembre” dei Pfm, in duetto con Patty Smith, i Marlene Kuntz di Cristiano Godano, Luca Bergia e Riccardo Tesio sono pronti a calcare i palchi d’Italia per il tour che tutti aspettavano.

La band sarà all’Orion di Roma il 12 maggio per presentare il nuovo disco “Canzoni per un figlio”, che presenta due pezzi nuovi e un po’ di canzoni del repertorio dei Marlene, risuonate per l’occasione senza troppa deferenza nei riguardi della versione originale.

“Quando il pezzo per Sanremo (“Canzone per un figlio”) ha preso forma, abbiamo avuto quasi istantaneamente l’idea di un concept a essa legato – hanno affermato i Marlene Kuntz – Posto che avevamo deciso di non fare inutili corse per un disco di nuovi brani, il guizzo del concept ci ha immediatamente convinto che era la cosa giusta da fare. Ciascuna canzone, dunque, contiene, a nostro sentire, valori o immagini trasmissibili a un figlio, immaginato intorno alla sua fase di ingresso nell’adolescenza o poco dopo. E’ stato davvero interessante e stimolante rendersi conto che molte nostre canzoni del lontano passato “marlenico”, quelle che per i non addentro a certe sonorità erano percepite come “temibili”… “ostiche”… “ostili”…, erano in realtà canzoni dense di contenuto tutt’altro che trasgressivo o incendiario. Il libretto del cd espone, di conseguenza, un approccio conforme: un ipotetico padre introduce al proprio figlio, con uno scritto di suo pugno, ciò che si andrà a leggere e ascoltare. E ogni canzone viene illustrata da una breve serie di affermazioni a mo’ di suggestione-spiegazione, di modo che il figlio possa subliminalmente intuire un fascino da lasciarsi maturare dentro per la sua crescita. Non ci dispiace immaginare che tale relazione padre-figlio abbia parziale valenza metaforica nei riguardi di molti che potranno avere per le mani tali libretto”.

Al nuovo lavoro dei Marlene Kuntz, “Canzoni per un figlio”, hanno lavorato anche quattro musicisti “che hanno donato un po’ della loro splendida creatività, aggiungendo sapori nuovi alle nostre atmosfere”: la pianista Alessandra Celletti, l’amico Gianni Maroccolo, il trombettista Roy Paci, il violinista Davide Rossi.

MARCO “MORGAN” CASTOLDI IN CONCERTO ALL’AUDITORIUM

MARCO “MORGAN” CASTOLDI, l’artista più eclettico e istrionico della scena musicale e televisiva italiana, arriva all’Auditorium Parco della Musica il 25 maggio 2012, per uno show che saprà entusiasmare e incantare.

Dopo l’avventura come giudice nella quinta stagione di X Factor, Morgan torna ad esibirsi sulla scena che gli è più cara: il palco, dove gli spettatori potranno ascoltare suoni d’autore e brani presi a prestito tra i classici italiani e rivisitati al presente. Non mancheranno le tracce più amate di Morgan, che riportano al cammino fatto con i suoi Bluvertigo o a “canzoni che alloggiano nell’appartamento”.

Marco Castoldi, dal 24 Gennaio è sugli scaffali dei negozi di dischi e negli store digitali grazie “Italian Songbook vol.2″, con cui continua il percorso di ricerca e di approfondimento della canzone italiana iniziato con il precedente disco “Italian Songbook vol.1″, pubblicato nel 2009. Anche questa volta l’eclettico cantautore riscopre grandi brani del passato e li fa suoi rielaborandoli come sempre in modo personale e unico.

Il nuovo lavoro contiene 15 canzoni, delle quali 3 in lingua inglese: brani scritti da autori importanti come “Marianne” di Sergio Endrigo, che è anche il singolo di lancio dell’album, “Hobby” di Tenco e molti altri capolavori che hanno fatto la storia della musica italiana, sapientemente reinterpretati e arrangiati nuovamente dallo stesso Morgan; quest’ultimo è anche l’autore dei due inediti inclusi nell’album “Desolazione” e “Una nuova canzone” e di “La sera”.

BIOGRAFIA
Cantante, musicista, compositore, arrangiatore, produttore e molto altro… Dal 1986, anno di nascita dei Golden Age, lavora a stretto contatto con i Bluvertigo, essendone l’anima, fino al 2001. In quest’arco temporale vengono dati alle stampe Chains / Acidi e Basi / Metallo non Metallo / Zero / Pop Tools. A ridosso di quest’ultima pubblicazione viene ufficiosamente annunciato che la band si scioglie; notizia questa mai confermata come dimostra il fatto che nel 2008 i Bluvertigo si ritrovano per registrare dal vivo un CD che avrà il titolo del progetto televisivo: MTV Storytellers.

Da quel lontano ’86 a oggi, Morgan ha pubblicato anche 5 album solisti: Canzoni dell’Appartamento / Il Suono della Vanità / Non al denaro non all’amore nè al cielo / Da A ad A / Italian Songbook Vol. 1. E’ stato e sarà il Giudice per eccellenza di X – Factor – prima in Rai ora su SKY. Ha lavorato a MTV, a DeeJay TV, in radio; ha scritto sceneggiature e si è adoperato come regista.

Tra le collaborazioni celebri di Morgan, ricordiamo quelle con Franco Battiato (Gommalacca), Antonella Ruggiero (Registrazioni Moderne), Subsonica (Microchip Emozionale), Cristina Donà (Nido), Edoardo Bennato (La Fantastica Storia del Pifferaio Magico).

MORGAN:
ROMA, AUDITORIUM PARCO DELLA MUSICA: 25 MAGGIO 2012

PREZZO BIGLIETTI:
PLATEA: € 40,00 – compresi i diritti di prevendita
GALLERIE: € 35,00 – compresi i diritti di prevendita

Apertura porte: ore 20:30
Inizio concerto: ore 21:00

“IL CORO ALITALIA” PER UNA SERATA DI MUSICA E SOLIDARIETA’

Venerdì 14 Dicembre 2012, alle ore 18.45, presso l’hotel Hilton Rome Airport di Fiumicino aeroporto, la Firotek organizza un “Concerto di Beneficenza” a sostegno delle missioni umanitarie di Area Solidarietà Alitalia Onlus.
Il concerto si svolgerà sotto il patrocinio della Regione Lazio e del Comune di Fiumicino.
Sul palco si alterneranno diversi artisti che proporranno brani di musica lirica e moderna.
Chiuderà la serata la grande esibizione del coro Alitalia, accompagnato da un ensemble orchestrale, che offrirà al pubblico l’esecuzione della Messa in Sol Maggiore D.167 di F. Schubert.

INGRESSO OMAGGIO.
Le offerte libere fatte dal generoso pubblico saranno completamente devolute alle missioni umanitarie in corso ed in programma di Area Solidarietà Alitalia Onlus.

Se vi presenterete senza aver fatto alcuna prenotazione sarete ugualmente “graditi ospiti”.

Per l’importante evento è stato predisposto un “parcheggio gratuito” fuori l’hotel (a 50 metri di distanza) evidenziato da fiaccole accese a terra. Per arrivarci occorre superare l’ingresso parcheggio hotel; dopo 50 metri voltare a destra sulla rotatoria e dopo la pensilina della navetta (sulla sinistra) fare una inversione a U e avvicinarsi alla sbarra di ingresso parcheggio. Citofonare e dire “ospite concerto di Natale”

Intervenite numerosi.

VENERDÌ 14 DICEMBRE 2012 – ore 18.45

“STELLA CADENTE”. L’ESORDIO DI CELESTE BORRELLI

Passeggiando tra un mercatino all’altro, andando ad un concerto o visitando una mostra d’arte capita, a volte, di conoscere persone di cui hai sentito parlare ma che mai avresti sognato di incontrare.
E’ ciò che è capitato a me quando un giorno, sul Litorale di Ostia, durante un concerto, ho avuto il piacere di conoscere la scrittrice Celeste Borrelli, già partecipante e vincitrice di numerosi concorsi letterari di poesia, nazionali e internazionali, autrice della raccolta poetica “Stella Cadente”, un’opera che rappresenta il suo vero esordio.
In poco tempo abbiamo parlato di tante cose ma, soprattutto, mi interessava conoscere più a fondo la sua raccolta di poesia “Stella Cadente”, di cui avevo già sentito parlare. E chi meglio di lei avrebbe potuto farlo?
Celeste Borrelli inizia col dirmi che “Stella Cadente” è una raccolta di 60 componimenti poetici con cui tocco vari argomenti: l’amore, il dolore, la natura umana considerata questa “spesso ingannevole ed eccedente di maschere” come nel componimento “Questo è il carnevale” in cui tal giorno è visto come “Unica realtà. Momento sincero della vita”.
L’amore e i sentimenti vengono invece goduti in un attimo, nel momento in cui arriva l’emozione come in “Come un fulmine” in cui recito: “Mi hai folgorata e sei svanito.”, lasciando sempre in uno spazio a parte gli affetti familiari, indissolubili, perpetui definiti non casualmente “Gioielli”.
Insomma, una raccolta di poesie tendenzialmente brevi e fulminee, in cui le parole arrivano dritte al cuore del lettore.
E’ inutile dire che questo piacevole incontro con Celeste Borrelli, questa fresca presentazione della sua opera con cui mi ha regalato brevi attivi di leggerezza e spensieratezza, mi hanno ancora di più incuriosita.
L’ho comprata (è disponibile in versione digitale dalla Libro Aperto Edizioni e acquistabile in tutte le librerie online e attraverso il sito della casa editrice) e l’ho letta d’un fiato.
Che penso?
E’ una lettura scorrevole e piacevole, nitida, a tratti leggiadra nonostante l’intensità. Una poesia talvolta ariosa, talvolta dura e rabbiosa, ma sempre piacevole, che aiuta il lettore nella riflessione e nell’accettazione delle difficoltà della vita e dei limiti che essa stessa ci impone. (Bianca Maria Sezzatini).